Homepage

598^ Festa patronale di Sant'Agata

Commenti disabilitati

598^ Festa patronale di Sant'Agata

La Città di Arzignano rinnova ogni anno il voto a S. Agata del 1413

Il 9 luglio 1409 Ladislao, re di Ungheria e di Napoli, cedeva a Venezia la città di Zara per il prezzo di 100.000 ducati. Sigismondo di Lussemburgo, eletto imperatore in quello stesso anno, reagì e tentò con le armi di rivendicare i suoi diritti sulla Dalmazia.

A tale scopo, mandò in Italia 14.000 cavalieri ungheresi con alla testa Filippo Scolari, meglio conosciuto con il nome di Pippo Spano, il quale, dopo aspre battaglie in Friuli, si portò in territorio vicentino. Qui., fallito l’assedio al castello di Marostica, seguendo la strada pedemontana assediò il castello di Montebello e poi, nel gennaio del 1413, quello di Arzignano.

E’ in questo contesto che, per la prima volta nella storia di Arzignano si registra il nome della martire catanese Sant’Agata, la cui devozione in ambito locale viene favorita in seguito alle scoperta delle sue reliquie avvenuta in Verona e dallo scoppio delle pestilenze del 1348 e del 1387.

E’ quindi verosimile che in quel pauroso frangente, gli arzignanesi siano ricorsi all’intercessione della Santa che venne assunta a patrona quando gli Ungheresi desistettero dall’assedio e abbandonarono il castello proprio il 5 febbraio 1413, festa di sant’Agata, convinti anche da alcuni stratagemmi usati dai castellani assediati.

E’ chiaro, come si deduce dagli Statuti del 1490, che gli arzignanesi avevano interpretato il felice epilogo come una grazia speciale della Santa in onore della quale stabilirono che ogni anno venisse solennemente celebrato il 5 febbraio con una processione votiva ( con il decano e con tutti gli uomini di Arzignano ) a memoria del bene ricevuto con il successo riportato contro gli Ungari.

Un segno concreto del patrocinio riconosciuto a Sant’Agata dalla popolazione arzignanese del ‘400 si può ammirare sul portale quattrocentesco della chiesa pei vana di Santa Maria del castello : due formelle dell’epoca recano, quella a destra il Grifo rampante, simbolo della comunità, e quella a sinistra limmagine di Sant’Agata.

Scarica qui il programma in PDF

Programma 2011

Giovedì 27 Gennaio:

Ore 20.30 Casa della Comunità: I nuovi poveri tra noi: Testimonianze di solidarietà

Sabato 29 gennaio

Ore 17.30 Via Roma: Vernice della mostra di pittura di Nadia Piana e sculture di Giuliano Negretto

Ore 20,30 Chiesa Votiva – XIV rassegna di cori parrocchiali “Don Giovanni Allegri” partecipano: Il Coro Parrocchiale di Castello, il Coro La Pieve di Chiampo e la Corale S. Agata di Tezze

Domenica 30 Gennaio

Ore 14.30 Palatezze – VII Torneo S. Agata riservato alla categoria Scuola calcio organizzato da A.S.D. Calcio Tezze

Venerdì 4 Febbraio

Ore 20.30 Chiesa Votiva “ Emozioni tra le righe” VIII Concorso di Poesia e Prosa riservato ai ragazzi delle scuole medie superiori della provincia di Vicenza

Sabato 5 Febbraio

Ore 17.30 Scuola Materna – Inaugurazione della mostra “C'era una volta… Un Gioco Meraviglioso“ curata da Nicoletta e Umberto Brentan con la collaborazione di Pierantonio Trattenero

Ore 19.30 Chiesa Parrocchiale: S. Messa Solenne in onore di S. Agata con affidamento a Sant’Agata dei diciottenni

Ore 20.30 Chiesa Votiva: “Concerto per Sant’Agata” con i cori:“Coenobium Vocale” direttore Maria Dal Bianco e “Ensemble La Rose” direttore Josè Borgo

Domenica 6 Febbraio

Ore 9.15 Processione Votiva – Partenza dalla Rocca di Castello con personaggi in costume del 1400 a cura delle associazione storiche “S. Agata” di Tezze, “Città del Grifo” di Castello, Sbandieratori “Megliadino” di San Vitale e l’Associazione Tra le Mura di Castello

Ore 10,45 Chiesa Parrocchiale di Tezze: Santa Messa Solenne

Ore 14,00 Apertura del

m-d4.html”>how to use ipad in classroom

Mercatino medioevale. Mercato prodotti tipici a cura della Comunità Montana Agno-Chiampo e Associazione Artigiani della Provincia di Vicenza

Ore 14,30 Il Medioevo in Piazza. Spettacoli di animazione a cura dei gruppi storici “Sine qua non”, “Mercanti della Serenissima” e con il Giullare di Stilimbergo

Ore 16,00 Sorpresa per i bambini

Ore 18,30 Spettacolo pirotecnico

Ore 19,00 Vespri e bacio della reliquia

lunedì 7 Febbraio : Sagretta

“Giornata del bambino” presso il Luna Park

Ore 19.30 S. Messa di ringraziamento

Domenica 6 Febbraio presso le trattorie del paese sarà possibile degustare il tradizionale menù di S. Agata

PER INFORMAZIONI: 0444 476543

ASSOCIAZIONE STORICA “CITTA’ DEL GRIFO”

L'associazione storica Città del Grifo è sorta nel 1996 ed ha sede nella rocca scaligera del Castello di Arzignano. I fini dell’Associazione, che non ha scopo di lucro, sono quelli di mantenere vivo il Castello e portare per l’Italia chi e che cosa eravamo nel passato. Le riunioni si svolgono ogni primo mercoledì del mese, l'iscrizione al gruppo è aperta a tutti. Il gruppo è ripropone uno spaccato di vita da campo con tende, scudi d’assedio, fanti, balestrieri e cavalieri. La specialità dell'associazione è il tiro con la balestra gotica detta “manesca”. L'esibizione consiste in tiri singoli o di bordata da una distanza che può variare dai 20 ai 50 metri.

ASSOCIAZIONE STORICA “S. AGATA”

L’Associazione storica Sant’Agata, nasce nella parrocchia di Tezze con l’obbiettivo di organizzare e rendere sempre più coinvolgente la festa patronale di Sant’Agata.

Grazie a questa Associazione è nata la sfilata storica con personaggi in costume del 1400 che caratterizza l’attuale manifestazione in cui, storia, fede e tradizione si intrecciano.

Costituita dal Parroco e da alcuni cittadini di Tezze, l’Associazione è animata da un profondo legame con la propria terra, dall’impegno a riscoprire e valorizzare le proprie radici, dal desiderio di trasmettere, in particolare ai giovani, il valore del legame tra fede e tradizione che sono i due elementi fondamentali della devozione a Sant’Agata.

zp8497586rq
zp8497586rq
zp8497586rq
zp8497586rq