Homepage

Memo Junior n° 34 : i libri per ragazzi della Biblioteca di Arzignano

0 commenti

Le letture per i più piccoli


Fai click qui per vedere tutta MemoJunior 34

n° 34 – Giugno 2011

Bernard Friot

Una lavagna chiacchierona

Logos

Rimasta sola in classe, la maestra Giovanna si avvicina alla lavagna. Si schiarisce la voce e chiede sussurrando: “Sei tu che hai parlato?”. “Certo!”, risponde la lavagna. La maestra si guarda intorno. È davvero la lavagna a parlare? O qualcuno la sta prendendo in giro? Questo è l’inizio della storia. Ma poi ci sono tre storie e tre finali differenti. Tre storie da scegliere, leggendo la preferita, oppure mischiandole oppure inventandone altre… Età di lettura: da 6 anni.
David Grossman

Itamar il cacciatore di sogni

Mondadori

Tutte le notti un folletto celeste dagli occhi rossi insegue i sogni di Itamar e non lo fa dormire. Ecco quello che ci vuole: una tenda di lenzuoli: un manico di scopa, una corda e la trappola per i folletti dei sogni è fatta! Manca solo la formula magica. Età di lettura: da 7 anni.
Yoram Kaniuk

Il cane che sapeva cantare

Salani

Talia, una ragazzina innamorata degli animali, trova per le strade di Tel Aviv un cane in fin di vita che porta i segni delle più spaventose torture. Il cane, battezzato Wass, sopravvive per miracolo e si affeziona a lei in modo quasi morboso. L’animale conquista presto l’amore delle persone vicine a Talia. Ma quando Wass rivela doti canore straordinarie che lo portano in televisione, rischia di essere separato dalla sua nuova amatissima padrona. Talia però è disposta perfino ad andare in prigione, pur di non abbandonare l’amico in mani pericolose. Età di lettura: da 8 anni.
Antonio Ferrara

Batti il muro

Rizzoli

Caterina è solo una bambina quando sua madre comincia a chiuderla in un armadio, al buio. È il segnale di una malattia che non assume mai manifestazioni violente, però infligge a Caterina questa pena ripetuta. Dentro l’armadio Caterina ha paura, all’inizio. Poi comincia a portare con sé un libro e una torcia elettrica, e tutto cambia. La lettura diventa lo strumento per contrastare la volontà della madre in modo sommesso. Sono le storie a salvarla. E sarà l’amore per i libri, un amore fedele e paziente, a dare infine un senso alla sua vita. Età di lettura: da 12 anni.

Janna Carioli

La grande sfida sul Nilo

Lapis

Le avventure di Nefertina, Piramses e il loro acerrimo nemico Tanfenaton tra grandi piramidi, mummie e papiri nell’Egitto dei faraoni. Età di lettura: da 6 anni.
Alessandro Gatti

Klincus Corteccia e la grande tempesta

Mondadori

II druido Homnius giunge in città in gran fretta con una notizia allarmante: uno stormo di uccelli gli ha annunciato l’arrivo di una devastante tempesta che si presenta con nubi scure e una furia mai vista di fulmini. E i fulmini sono un pericolo enorme per Frondosa, costruita su alcuni degli alberi più vecchi e alti del bosco. “Bisognerebbe proteggere i rami più alti della città con dei parafulmini!” pensa Klincus. Ma per costruirli servono tubi e altre componenti metalliche, che si possono trovare solo a Umghard! Il giovane Corteccia non esita e parte alla volta della città da cui è fuggito… Età di lettura: da 7 anni.
Annalisa Strada

Nina e Jaya, sorelle per forza

Piemme

Cosa succede quando una mamma, felicemente divorziata da anni, decide all’improvviso di innamorarsi di nuovo? E quando il prescelto ha una figlia prima della classe, un bambino pestifero e, soprattutto, di cognome fa Maharajapuram? Nina non ha dubbi: bisogna impedire questa intollerabile catastrofe. Età di lettura: da 9 anni.
Angela Nanetti

Morte a Garibaldi

Giunti

Melania ha 14 anni, una madre che è stata lasciata per un’altra e lei non riesce ad acettare la situazione. Quando in una settimana afosa di agosto le tocca accompagnare il padre giornalista lungo un viaggio alla ricerca di materiali per un nuovo libro sulla “trafila” garibaldina, proprio non resiste: ogni opposizione a LUI (così lo chiama) è buona. Ma si sa, la strada è una grande maestra e ai km percorsi si aggiungono quelli da compiere e quelli da ricordare di Giuseppe e Anita. Un viaggio non può cambiare completamente le cose, ma può riaprire un dialogo.

Rispondi