Homepage

Teatro Ragazzi – 30.10.2011 Peter Pan

4 commenti

DOMENICA 30 OTTOBRE 30 ottobre 2011
1° spettacolo ore 15:30 – 2° spettacolo ore 18:30

Peter Pan
Compagnia: Compagnia del Villaggio
Regia di Lovato Luca

Questa affascinante storia è messa in scena attraverso musica e parole che accompagnano in un viaggio fantastico all’isola che non c’è con il fine di
salvare i sogni la magia e la fantasia.
Grazie alla ricchezza di colori a cambi scena da favola e personaggi icone del nostro tempo, si potranno toccare i sentimenti e le ambientazioni che la storia esprime.
Delicato, leggero, divertente, energico, triste e sereno, questo musical riesce a risvegliare un mondo di emozioni.
Questa storia comincia nella casa della famiglia Darling. È sera, e mamma e papà si stanno preparando per una festa fuori casa. Intanto i bambini giocano nella loro camera: il piccolo Michael fa la parte di Peter Pan, mentre Jhon, è il terribile Capitan Uncino e mettono a soqquadro la casa tanto che papà Darling non trova più la sua scarpa. Così si arrabbia con Wendy, la figlia maggiore, che racconta sempre ai fratelli le avventure di Peter Pan.
Ma quella di Peter Pan non è una favola. Qualche giorno prima era venuto ad ascoltare i racconti di Wendy. Peter decide: porterà la ragazzina nell’isola
che non c’è, il magico luogo dove non si diventa mai grandi “seconda stella, poi si volta e… via, sempre dritto!”
Ben presto, Peter Pan e i bambini giungono in vista dell’isola che non c’è. Sotto di loro cominciano a vedere la Laguna delle Sirene, l’accampamento indiano e il vascello di Capitan Uncino. A bordo della nave pirata si sente un ticchettio. È il solito coccodrillo, che, insieme con la mano di Capitan Uncino, ha divorato una sveglia. Il nostromo Spugna lo scaccia
mentre Capitan Uncino sfugge ancora una volta al terribile coccodrillo… tante avventure incredibili diverranno realtà fino a…. “Mammina, siamo tornati! Sai è stato davvero straordinario: Trilli, le sirene e… Peter Pan, il più straordinario di tutti!” racconta Wendy ai genitori stupiti. Ma le sorprese non sono ancora finite.

Rispondi