Homepage

1961 – 2011: cinquant’anni dell’Ospedale di Arzignano in una pubblicazione dell’ULSS5 e del Comune di Arzignano

3 commenti

In occasione del 50° anniversario dalla fondazione del nuovo Ospedale di Arzignano, l’ULSS 5 e il Comune di Arzignano hanno realizzato un libro fotografico, edito da “Il Grifo e il Leone”, che ripercorre la storia  della più importante struttura sanitaria della nostra Città.

Assieme al libro è stata realizzata una mostra fotografica attualmente esposta presso l”Ospedale. Parte di questa mostra sarà visibile in Municipio  dal 15 dicembre.

Le foto originali sono conservate presso la Biblioteca Civica “G. Bedeschi”.

 

Scarica in PDF il libro “L’ospedale di Arzignano-1961-2011″ (18,3 Mb)

 

 

La presentazione della pubblicazione dell’Assessore Pieropan:

È passato mezzo secolo dall’inaugurazione dell’ospedale “Cazzavillan” e se oggi per noi è possibile ricordare con ricchezza di particolari quel significativo evento è anche grazie a chi, a suo tempo, ha avuto la passione e la lungimiranza di realizzare e raccogliere le immagini che possiamo ammirare in questo libro e nella mostra curata per l’occasione.
Persone che questa Amministrazione comunale desidera ringraziare per l’amore e l’interesse dimostrato per la propria Città e che queste foto, ora condivise con l’intera comunità, testimoniano.
Questo volume racconta la storia del nostro ospedale attraverso una delle più belle e affascinanti modalità di comunicazione, documentazione ed espressione artistica, la fotografia, che ben conosciamo ed apprezziamo anche nel nostro quotidiano perché tutti, chi più chi meno, abbiamo immagini che ci ricordano vari momenti della nostra vita; così oggi, sfogliando queste pagine, ripercorriamo la “vita” del “Cazzavillan”, dalla sua nascita al suo sviluppo e fino ai giorni nostri.
Le foto hanno la meravigliosa capacità di farci tornare indietro nel tempo, di permetterci di vedere quello che oggi non è più davanti ai nostri occhi, di mantenere vivi i ricordi ed anche di veicolare informazioni.
Oggi celebriamo un momento importante, che fa parte di una storia che ci riguarda tutti: e siamo grati di poterlo fare anche attraverso le fotografie che, con questo volume, sono state giustamente valorizzate.

 

 

 

 

Rispondi