Homepage

Laura Pariani: La valle delle donne lupo. “Vivere da morta. Patire da muta. Obbedire da cieca. Amare da vergine”

24 commenti

Laura Pariani

 

La valle delle donne lupo

 

Einaudi

 

 

“La montagna, più che un luogo geografico, è un’esperienza: quella di un mondo potente nella sua resistenza a certe pazze vertigini della modernità, ma assolutamente marginale”. E proprio come la montagna sono marginali e potenti le figure che l’hanno abitata, e che abitano questo libro. Sono le donne lupo, capaci di “affrontare a viso aperto il grave del mondo”. Sono balenghe, diverse, eccentriche, “tutte falciate dalla stessa sentenza di emarginazione, servite alla comunità per mettere in scena sempre lo stesso canovaccio”. Una ricercatrice s’inoltra per le valli piemontesi facendo interviste con il suo registratore. Le hanno parlato di una donna, la Fenisia, che vive isolata nel Paese Piccolo, vicino al vecchio cimitero è lei la memoria di quei posti. È nata nel novembre del 1928, non ha mai vissuto altrove e “il lavoro della sua famiglia è sempre stato quello del sotterramorti”. Comincia così il rapporto tra la scrittrice e l’anziana donna e, scabro e incalzante, si dipana il racconto di una vita da cui emergono figure femminili impossibili da dimenticare.

La pagina Facebook del libro

 

 

Rispondi