Homepage

Ad un anno dalla morte di José Saramago, Lucernario: il suo primo romanzo rimasto totalmente inedito fino a oggi.

25 commenti

José Saramago

Lucernario

Feltrinelli

 

A un anno dalla morte di José Saramago, Lucernario:  il suo primo romanzo rimasto totalmente inedito fino a oggi. Scritto  tra il 1949 e il 1952, rifiutato dal suo editore, rimase un punto  dolente nella vita del maestro portoghese. Infatti, sebbene più semplice  nella forma rispetto al suo stile maturo, José Saramago vi si  riconosceva e, in nuce, ritroviamo molti degli elementi che  caratterizzeranno la sua opera narrativa successiva.
L’azione si  svolge a Lisbona a metà del xx secolo, in un palazzo di una zona  popolare non meglio identificata della città dove vivono sei famiglie.  In questa scenografia si animano personaggi minati da tristezza e  rimpianto le cui esistenze paiono ravvivarsi soltanto per l’improvvisa  eco di un concerto di musica classica trasmesso alla radio, che per un  attimo riapre il mondo al bagliore della bellezza, o per l’instancabile  elaborazione delle strategie, fatte di piccole ipocrisie e compromessi,  con cui si tenta di fugare la minaccia dell’indigenza o di realizzare le  aspirazioni conformiste della piccola borghesia. Un universo  circoscritto di mantenute, giovani sognatrici, mogli tradite e dolenti,  uomini sconfitti dalla vita che hanno rinunciato al futuro a cui fanno  da contrappunto gli inserti del diario di una giovane sognatrice,  vittima di una vicenda dalla morbosità inaspettata, o ancora le pagine  di grande letteratura disseminate in forma di lunghe citazioni, ma  soprattutto gli ideali del protagonista Abel, giovane intellettuale  libertario, figura paradigmatica di un determinato universo politico,  specie se si tiene in considerazione il contesto in cui il romanzo venne  redatto, ovvero gli anni bui del Portogallo salazarista, paese isolato,  retrivo e misero dominato da una dittatura fascista.
Palesemente  debitore della tradizione del grande romanzo russo da un lato e della  generazione coeva dei Neorealisti portoghesi dall’altro, sono già  evidenti le grandi qualità che andranno a costruire il corpus del  Saramago più noto: profondo scavo psicologico dei personaggi, grande  respiro narrativo, capacità di coinvolgere l’attenzione del lettore.

 

 

 

Rispondi