Homepage

Il 5 e 6 luglio 2013: a Vicenza arriva Start Up, Festival Internazionale di Arte e Musica

1 commento

stretta

Il 5 e 6 luglio giunge a Vicenza,  Start Up, Festival Internazionale di Arte e Musica, promosso dall’associazione culturale Hyper e dall’Assessorato alla cultura del Comune, con l’intento di valorizzare le arti musicali, visive e figurative.

Il ricco programma di esibizioni, mostre, conferenze e workshop avrà il suo fulcro in piazza delle Erbe che si trasformerà per l’occasione in spazio espositivo e performativo, dove a partire dalle 19, il pubblico potrà assistere a una coinvolgente esibizione audio, mentre nella vicina corte dei Bissari verranno allestiti degli stand di carattere informativo e di merchandising sull’evento.

Star Up Festival Internazionale di Arte e Musica a Vicenza

Il percorso di arte contemporanea, conferenze e workshop si svilupperà a partire dalle ore 10.00 alle 19.00, coinvolgendo l’interno della Basilica Palladiana, per una valorizzazione a 360° degli spazi che costituiscono il cuore e salotto stesso di Vicenza, amplificando con
l’utilizzo di differenti linguaggi espressivi la loro valenza sociale e civile.

L’esibizione di arte contemporanea sarà arricchita di installazioni ambientali, opere fotografiche, sculture, opere su tela e proiezioni luminose, provenienti sia da artisti ospiti sia da opere selezionate da un bando pubblico e da un workshop universitario.

La parte musicale darà voce ad artisti di rilievo nazionale e internazionale del panorama elettronico, mentre un intrattenimento di architectural visual mapping fungerà da collante fra le due sezioni del festival.

Start Up vuole così dare al pubblico un ruolo ricettivo, chiamandolo in causa in modo attivo e produttivo tramite l’interazione e il dialogo proposti da una studiata serie di conferenze e workshop.

Il tema scelto per quest’edizione – la democratizzazione culturale – intende offrire spunti di riflessione sulla rivoluzione digitale che ha mutato profondamente lo scenario mediatico degli ultimi decenni, consentendo agli artisti di esprimere e diffondere facilmente le proprie
opere.

Lo spunto iniziale che ha ispirato i giovani organizzatori del festival è la domanda “La democratizzazione culturale è sinonimo di qualità, o stiamo scivolando verso l’oscuro oblio della mediocrità?”

Per il progetto di comunicazione e di identità dell’evento l’Associazione Culturale Hyper ha lavorato sul concetto visivo di disturbo, prendendo come immagine tipo il glitch, ovvero, quel tipico effetto visivo che si manifesta nei dispositivi elettrici e in questo caso negli schermi quando riconoscono un disturbo o un problema nel segnale.

L’Associazione Culturale Hyper, associazione culturale senza scopo di lucro, con sede a Vicenza, persegue finalità culturali e di utilità sociali. L’associazione è costituita da soggetti che non superano i ventisei anni.

Info
www.startupfestival.it

Rispondi