Homepage

Concerto sinfonico di Natale: Mercoledì 11 dicembre, Teatro Mattarello. Orchestra di Padova e del Veneto, Antonio Camponogara pianoforte, Romolo Gessi direttore

438 commenti

“Si rinnova anche quest’anno l’atteso appuntamento Natalizio con il concerto sinfonico” dichiara l’Assessore Mattia Pieropan, “un evento artistico di alto livello rivolto a tutti. Sono sicuro che la Città risponderà con entusiasmo a questa proposta perchè la grande musica non conosce confini né di età né di cultura”

CONCERTO SINFONICO DI NATALE

Mercoledì 11 dicembre , ore 20.45
Teatro Mattarello

Orchestra di Padova e del Veneto

Antonio Camponogara
pianoforte

Romolo Gessi
direttore

INGRESSO Euro 5
Biglietti in vendita la sera del concerto presso il Teatro

orchestra pd e veneto

W.A. Mozart – Overtoure del “Schaulspieldirektor” K486

W.A. Mozart – Concerto n°17 in sol maggiore per pianoforte e orchestra K453

L. Van Beethoven – Sinfonia n°6 in fa maggiore po. 68 “Pastorale”

Quest’anno il concerto sinfonico è dedicato al Classicismo viennese , periodo aureo della Storia della Musica , che si colloca tra la seconda metà del XVIII° Sec.  E i primi decenni del XIX° . I suoi massimi rappresentanti sono W. Mozart , F. J. Haydn  e L.v. Beethoven.  Di Mozart ascolteremo il concerto in sol maggiore K 453 , brillante e gioioso , che Amadè compose ed eseguì nei primi anni Viennesi assieme al altri concerti dove si affermò come virtuoso e talentuoso compositore .

Ludwig van Beethoven nei primi anni dell ‘800 passava molto tempo in campagna e ne era affascinato. Lo stare a contatto con la natura lo colpiva nell’intimo creandogli quell’immenso piacere e gioia di partecipare alla vita campestre , quel cercare in essa il raggiungimento della pace. Dai suoi trascorsi ricordi nasce la 6° Sinfonia in fa maggiore , composta in contemporanea alla 5°  . Beethoven volle mettere anche un sottotitolo all’Opera , che chiamò “Pastorale”. Per evitare dubbi in merito al fatto che i temi della Sinfonia non erano per niente descrittivi ,volle aggiungere al sottotitolo : “più espressione del sentimento che pittura “

Rispondi