Homepage

Lunedì 23 dicembre in Biblioteca: musiche della tradizione celtica, inglese, francese, ceca, irlandese… per una serata d’incanto con il duo Quintana.

3 commenti

L’Assessore alla Cultura Mattia Pieropan: “Abbiamo voluto offrire ai nostri concittadini l’opportunità di trascorrere questa serata, nell’immediata vigilia delle festività Natalizie, ascoltando le sonorità antiche ed affascinanti di questo eccezionale duo. Musica che emerge dai freddi inverni dei secoli passati per avvolgerci con la sua meraviglia”

Lunedì 23 Dicembre, ore 21.00

Biblioteca Civica

Musica SottoZero

Quintana locandina

Musiche della tradizione celtica, inglese, francese, ceca, irlandese… per una serata d’incanto.

Coventry Carol
Sussex Carol
God Rest Ye merry gentlemen
O Come, Emmanuel
The Dark is my delight
Be thou my vision
Entre le boeuf et l’ane gris
Petite Berceuse
Don Oiche Ud I mBeithil
In hoc anni circulo
Nun wiegen wir das Kindelein
Nitida Stella

Irlanda, Repubblica Ceca, Italia, Inghilterra, Francia… Il fascino della musica antica e tradizionale, il suono delicato dell’arpa e del liuto, la voce evocativa e le melodie invernali… per un concerto ricco di originalità, energia ed eleganza!

Quintana.

Quintana è un duo formato da Kateřina Ghannudi all’arpa barocca e voce e Ilaria Fantin all’arciliuto, ud e percussioni.
Entrambe laureate con il massimo dei voti al Conservatorio F. E. Dall’Abaco di Verona, già da anni si dedicano al vasto repertorio che spazia dalla musica medievale, a quella rinascimentale e barocca.
Le due musiciste danno il via alla loro collaborazione artistica nel 2010, forti delle esperienze accumulate in svariate formazioni concertistiche e all’interno di numerosi eventi, sia in Italia che all’ estero.
In contemporanea alle importanti esperienze legate alla prassi del basso continuo, con orchestre e piccoli gruppi da camera, che le vedono impegnate all’interno di Festival ed eventi internazionali, le due musiciste, desiderose di esplorare anche nuove sonorità, si dedicano con Quintana ad una interessante ricerca sulle musiche tradizionali.
Concentrandosi principalmente sulla tradizione Sefardita, il duo crea un repertorio originale e suggestivo: una raccolta di melodie che attraverso i secoli si sono tramandate oralmente tra le onde del Mar Mediterraneo e sono miracolosamente sopravvissute fino ai nostri giorni.
Quintana ha elaborato gran parte del repertorio con arrangiamenti propri, derivanti dallo studio accademico delle musiciste ma anche dal loro personale istinto e gusto musicale, con la libertà interpretativa che questa musica non fissata sulla carta può regalare.
Con questo repertorio del Sud il duo ha suonato all’interno di importanti rassegne, tra le quali ricordiamo Settembre musicale dell’Associazione Veneta Amici della Musica, Centro Studi e Ricerche Postumia di Mantova, Rassegna Naturalmente diversi del Teatro Bixio di Vicenza, Simposio Internazionale della Fisica di Varenna, Umbria Jazz a Perugia, Festival Biblico di Vicenza, BaRoMus Festival di Rovigno, Festival Voces di Lecco, Tintarella di Luna alla Basilica Palladiana di Vicenza, Musica Cortese di Gorizia…
Tra le incisioni e i concerti, Quintana comincia a breve le date invernali con il nuovo repertorio ‘Musica SottoZero’ che si sposta a Nord, con la tradizione irlandese, celtica, ceca, inglese…e lavora al programma ‘Mediterraneo II’ per il prossimo tour estivo.

Rispondi