Homepage

GEK TESSARO in biblioteca di Arzignano il 23 Aprile, Giornata Mondiale del Libro!

3 commenti

Mercoledì 23 Aprile 2014

GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO

Biblioteca Civica, ore 20.45

GEK TESSARO

Il cuore di Chisciotte

Ingresso gratuito

il-cuore-di-chisciotte-gek-tessaro_h_partb

Gek Tessaro, il teatro disegnato: guardare la musica, ascoltare le immagini.

Gek Tessaro

Autore poliedrico, Gek Tessaro si muove tra letteratura per l’infanzia (ma non solo), illustrazione e teatro. Dal suo interesse per “il disegnare parlato, il disegno che racconta” nasce “il teatro disegnato”. Ha collaborato con diverse case editrici e i suoi libri hanno ottenuto importanti riconoscimenti.

La tecnica

Nella grande magia del buio, le immagini realizzate al momento con tecniche diverse - acrilico, collage, acquarello, inchiostri e sabbia – sviluppano scenografie bizzarre, divertenti e poetiche.
La lavagna luminosa costringe l’illustratore a disegnare al rovescio, suggerendogli nuovi punti di vista e distorsioni rivelatrici; a volte disegna con entrambe le mani, per creare particolari effetti di simmetria, adottando una tecnica personale e molto efficace.
Il risultato è quello di un gigantesco libro che si anima, si colora, e si racconta.

IMG_0520

Il cuore di Chisciotte

Lo spettacolo racconta del cuore in viaggio del cavaliere errante, Don Chisciotte. E’ la lettura che lo farà diventare matto, la lettura come forza travolgente ed inarrestabile, la lettura come magia.
I cuori corrispondono ai temi dell’opera di Cervantes, la pazzia, il coraggio; il tema per eccellenza donchisciottesco, il combattere contro i mulini a vento, l’inutilità del gesto ma anche la bellezza dell’ostinazione, della resistenza, anche nella consapevolezza dell’impossibilità di vincere, il tema dell’onestà, dell’etica.
E ancora, il tema del viaggio e della scoperta, della diversità e dell’amicizia, Chisciotte e Sancho, due figure così diverse da renderli indispensabili l’uno per l’altro; il tema dell’amore,  Dulcinea, la figura femminile idealizzata, ma anche la consapevole necessità indispensabile dell’altra metà del cielo; e la morte, infine: il fuoco che si spegne e le riflessioni del proprio essere, esistere e del significato infine delle impronte lasciate.

I destinatari

La rappresentazione mescola contenuti e linguaggi per bambini e per adulti, permettendo a tutti un approccio semplice ma ricco di suggestioni e spunti di riflessione.

 

 

 

Rispondi