Homepage

Concerto di Ognissanti: Duomo di Ognissanti, Sabato 1 Novembre 2014

14 commenti

Logo Arzignano

Duomo di Ognissanti

Sabato 1 Novembre 2014, ore 21.00

Concerto di Ognissanti

0001

Dopo l’entusiastico consenso ricevuto nel concerto dello scorso anno, in occasione della Festa di Ognissanti, per il prossimo 1 novembre il Comune di Arzignano propone un’altra pagina grandiosa dell’opera bachiana.

PROGETTO BACH 2014 XIV EDIZIONE

Ensemble Vocale e Strumentale
Il Teatro Armonico
Direttore Margherita Dalla Vecchia

Johann Sebastian Bach (1685-1750)
Cantata BWV 131“Aus der Tiefen rufe ich, Herr, zu dir“ (Salmo 129, De Profundis) per Soli, Coro e Orchestra
Coro: Aus der Tiefen rufe ich, Herr, zu dir
Arioso Basso e Corale del Contralto: So du willst, Herr, Sünde zurechnen
Coro: Ich harre des Herrn, meine Seele harret
Aria Tenore: Meine Seele wartet auf den Herrn von einer
Coro: Israel hoffe auf den Herrn
Questa giovanile Cantata, scritta sul Salmo 129 “De profundis“, è già una pagina che afferma le simmetrie care al grande Bach, il testo struggente del salmo perfettamente reso dai dialoghi nelle Arie del Basso e Tenore con oboe e violino a cui fa da cappello il solenne corale eseguito da altra voce, brani racchiusi dal Coro che introduce e conclude questa splendida cantata.

J. Pachelbel (1653-1706) Canone in Re maggiore per tre violini e continuo

J.S. Bach Magnificat in Re maggiore BWV 243 per Soli, Coro e Orchestra
Coro: Magnificat
Aria Soprano II: Et exsultavit spiritus meus
Aria Soprano I: Quia respexit humilitatem
Coro: Omnes generationes
Aria Basso: Quia fecit mihi magna
Duetto Alto e Tenore: Et misericordia
Coro: Fecit potentiam
Aria Tenore: Deposuit potentes
Aria Alto: Esurientes implevit bonis
Trio Soprano I/II e Alto: Suscepit Israel
Coro: Sicut locutus est
Coro: Gloria Patri

Il Magnificat per coro e orchestra in re Maggiore BWV243 è una delle più importanti opere vocali di Bach, certamente tra le più suggestive, tutta permeata di gioia ed esultanza.

Il testo è tratto dal  Vangelo secondo Luca, nel quale la Madonna ringrazia Dio per il compimento delle Sue promesse nei confronti di Israele; nella liturgia cattolica occidentale il Magnificat si canta, stando in piedi, ai vespri, tutti i giorni, anche il Sabato Santo e all’ufficio dei morti, ed è sempre accompagnato da un’antifona propria alla festa celebrata.

I dodici versi – uniti da una grande simmetria e profonde relazioni – sono un’avvicendarsi di luci e colori, le cinque voci della tessitura umana tutte rappresentate nelle brevi Arie che si concludono nel  Coro che segue, tutte incorniciate dal primo e ultimo maestoso Coro.

IL TEATRO ARMONICO
direttore MARGHERITA DALLA VECCHIA

8 Cantanti solisti, Coro a 5 voci, Orchestra con trombe, timpani, oboi, flauti, archi e continuo, 55 elementi
Il Teatro Armonico è un ensemble di cantanti e strumentisti fondato da Margherita Dalla Vecchia in occasione delle celebrazioni del Giubileo 2000. La formazione varia a seconda dei progetti musicali che vengono affrontati e coinvolge sia giovani interpreti che affermati musicisti, in particolare quelli specializzati nel repertorio antico con strumenti originali.
L’attività dell’Ensemble privilegia l’esecuzione di Oratori e Cantate sacre, il Madrigale e il dramma in musica del ‘600 italiano, in particolare della scuola veneta e romana partecipando ad importanti Festivals, registrazioni radiofoniche e incisioni discografiche; l’esecuzione di Monteverdi e Carissimi al Teatro Olimpico del 2.05.2012 ha raccolto straordinari consensi di pubblico e critica.
Ha eseguito con la direzione del M° Michael Radulescu – tra i massimi interpreti dell’opera bachiana – dodici edizioni del Progetto Bach, laboratorio a favore dei musicisti italiani (a tutt’oggi più di 400 presenze); questo progetto ha portato in esecuzione 22 Cantate sacre, i 6 Mottetti, la Messa in Si minore, le Ouvertures per orchestra esibendosi per festival e associazioni concertistiche in diverse città italiane e all’estero ( Basilica dei SS. Felice e Fortunato e Teatro Olimpico di Vicenza, Tempio di S. Nicolò a Treviso, Cattedrale di Chioggia, Basilica di S. Salvatore e S. Lanfranco di Pavia, Alexander Hall di Cortina, University College School di Londra, Basilica dei SS. Apostoli di Roma).

Margherita Dalla Vecchia,
organista e clavicembalista, ha conseguito un’importante formazione nei Conservatori di Parma e Mantova e presso le maggiori Accademie europee sia sulla letteratura organistica che sulla composizione, musica sacra e musicologia. Ha intrapreso giovanissima una brillante attività concertistica ospite di riconosciuti festivals e rassegne nelle maggiori città italiane e di tutta Europa (Salisburgo, Avignone, Santander, Hannover, Göttingen, Londra, S. Pietroburgo, Istanbul…), riportando ovunque straordinari riconoscimenti dalla critica internazionale.
Con l’Ensemble Il Teatro Armonico esegue sia il repertorio sacro che profano del primo ‘600 italiano ideando progetti di altissima cultura sia per la musica sacra che per il recupero di partiture per contesti propri.

 

Rispondi