Homepage

Teatro inArzignano: il programma della stagione 2014 – 2015

16 commenti

Logo Arzignano

TEATRO inARZIGNANO

copertina teatro 2014

Cari Spettatori, ancora una volta, con l’autunno, arriva l’atteso incontro con il Teatro in Arzignano. Siamo alla quindicesima stagione di prosa e alla quinta edizione di By Pass, rassegna di teatro contemporaneo rivolto a chi vuole conoscere nuovi linguaggi e nuove forme espressive. Abbiamo unito le nostre forze, come Amministrazione comunale, e quelle del circuito Arteven, con tutto il suo staff, quelle di Theama Teatro e Piergiorgio Piccoli, quelle dell’Associazione Espressione Giovani e quelle dei nostri affezionati sponsor, per presentare una Stagione che davvero farà felice chi ama il Teatro. Siamo orgogliosi di aprire il cartellone con un nome su tutti, Giorgio Albertazzi, con un autore su tutti, William Shakespeare, con un testo su tutti, “Il Mercante di Venezia”, per poi proseguire con spettacoli di altissimo livello, degni di una stagione che, ne siamo certi, sarà indimenticabile. Vi aspettiamo, con il Vostro entusiasmo, la Vostra competenza, i Vostri consigli e le Vostre critiche per migliorare ancora il lavoro fin qui svolto e condividere ogni emozione che il palcoscenico vorrà regalarci.

Il Sindaco
Dott. Giorgio Gentilin

L’Assessore alla Cultura ed Eventi
Mattia Pieropan

CLICK QUI PER SCARCARE IL PROGRAMMA COMLPETO IN PDF

0004 CROP

Teatro Mattarello

 

il mercante di venezia (2)Mercoledì 19 Novembre 2014, ore 21.00

Ghione Produzioni presenta uno spettacolo di
Giorgio Albertazzi in IL MERCANTE DI VENEZIA
di William Shakespeare

Regia di Giancarlo Marinelli
con Giorgio Albertazzi, Stefania Masala, Sergio Basile, Francesco Biscione, Francesco Maccarinelli, Ivana Lotito, Cristina Chinaglia, Mario Scerbo, Vanina Marini, Diego Maiello, Alice Massei, Sofia Vigliar
Scene di Paolo Dore
Costumi di Daniele Gelsi
Consulenza storica letteraria di Sergio Perosa
Aiuto regia di Federica Soranzio

Lo squattrinato Bassanio (Francesco Maccarinelli), innamorato della nobile Porzia (Stefania Masala), ha bisogno di una grossa somma di denaro per conquistare il suo cuore. Antonio (Sergio Basile), il mercante, gli fa da garante presso il ricco ebreo Shylock (Giorgio Albertazzi), che però detesta a morte. Shylock poi nutre per lui e il resto dei cristiani un astio antichissimo. L’ebreo presterà i 3000 ducati al mercante ad una condizione: riaverli entro tre mesi, altrimenti otterrà da Antonio una libra della sua carne. Dietro la brutalità della richiesta, il cinismo di Shylock, l’atmosfera fosca della Venezia del XVII secolo c’è il romanticismo degli innamorati, la giocoleria di Job (Cristina Chinaglia), la favola degli scrigni di Porzia e delle ancelle. Due mondi speculari, quello fiabesco e casalingo di Belmonte, dove Porzia attende il suo amore, e quello fazioso della città lagunare, nebbiosa, notturna, macabra.

che cos'sex_ramazzottiVenerdì 19 Dicembre 2014, ore 21.00

Artù presenta
Gianluca Ramazzotti in CHE CO’SEX?
Corso superiore di sessuologia maschile

da Talking Cock di Richard Herring
Originariamente prodotto da Avalon al Festival di Edimburgo
Versione italiana di David Conati
Adattamento e regia di Gianluca Ramazzotti

È un oggetto di vergogna e orgoglio, può suscitare risate e paura; è un simbolo di potere ma è anche incredibilmente fragile; esprime amore e odio, crea la vita ma può condannarci a morte….e fa anche pipì! Arriva finalmente in Italia il corso di sessuologia maschile più esilarante e dissacrante della storia. Uno dei monologhi più brillanti degli ultimi anni scritti da uno dei comici e scrittori più irriverenti del teatro inglese, Richard Herring. Talking cock, acclamato da critica e pubblico ha debuttato con enorme successo al festival di Edimburgo ed è stato rappresentato in dodici lingue.

Gianluca Ramazzotti, attraverso sondaggi, domande e rivelazioni, vestirà i panni di un professore universitario un po’ particolare che tenterà di rispondere in tono umoristico a questa domanda: l’attributo maschile, che cos’è veramente questo “coso”? mostrandoci dati alla mano con statistiche e tabulati reali , un antropologia del “sesso” maschile ricreando quasi una lezione da aula universitaria rivolgendosi ad un pubblico di studenti involontari con uno spettacolo sorprendente che non scende
mai nella volgarità trattando un tema e un soggetto che coinvolge tutti, uomini e donne indistintamente e di cui ancora oggi facciamo difficoltà a parlarne.

Cantando finale giallo 1Mercoledì 21 Gennaio 2015, ore 21.00

Compagnia Corrado Abbati
CANTANDO SOTTO LA PIOGGIA (SINGIN’ IN THE RAIN)

Musiche di Nacio Herb Brown
Coproduzione e Allestimento Up-Stage, London
Coreografie di Giada Bardelli
Direzione Musicale di Maria Galantino
Regia di Corrado Abbati

A Hollywood, alla fine degli anni venti, l’attore Don Lockwood, acclamata star del muto con un passato di ballerino, musicista e stuntman, non sopporta la propria partner sullo schermo, la bionda e svampita Lina Lamont. Il successo dei primi film sonori costringe R.F. Simpson, il produttore della Monumental Pictures, a trasformare Il cavaliere spadaccino, l’ultima pellicola della coppia, in un film parlato, ma l’idea si rivela impraticabile a causa del tono di voce gracchiante e fastidioso di Lina. Dopo uno screen test fallimentare il ballerino Cosmo Brown, il migliore amico di Don, suggerisce di trasformare il film in un musical che viene, per l’appunto, rinominato Il cavaliere della danza, nel quale Lina verrebbe doppiata dalla giovane attrice e cantante Kathy Selden di cui Don si è nel frattempo innamorato. Lina si infuria quando scopre la verità e cerca di sabotare la storia d’amore, nonché di costringere Kathy a continuare a doppiare i suoi futuri film. Alla prima il film è un enorme successo e quando a Lina viene chiesto di cantare, Don, Cosmo e R.F. la convincono a esibirsi in playback con Kathy dietro le quinte, per poi poterla smascherare alzando il sipario durante la sua esibizione e quindi rivelando il talento di Kathy.

forbici e follia (4)Venerdì 27 Febbraio 2015, ore 21.00

a.ArtistiAssociati di Gorizia in collaborazione con Artù Produzioni di Roma presentano
FORBICI & FOLLIA
di Paul Portner

Con Michela Andreozzi, Roberto Ciufoli,  Max Pisu, Barbara Terrinoni e la partecipazione di Nino Formicola e Nini Salerno
Allestimento originale americano di Bruce Jordan e Marylin Abrams
Versione italiana di Marco Rampoldi
Regia di Marco Rampoldi
Scene di Alessandro Chiti
Disegno luci di Alessandro Iacoangeli
Ideazione costumi di Adele Bargilli
Aiuto regia di Silvia Delfino

Forbici&Follia è un salone da coiffeur, di una città italiana. Anzi… della città in cui si rappresenta lo spettacolo. È il racconto di un giorno come tutti altri. Anzi… del giorno in cui si svolge la rappresentazione. Il giorno in cui la tranquilla vita di pettegolezzi che scorre allegramente fra le avances del parrucchiere a tutti i clienti maschi, e i piccoli sogni della sua aiutante – che ha, forse, una relazione con un equivoco antiquario – viene interrotta dall’assassinio della vecchia pianista che vive al piano di sopra, ed è la proprietaria di tutto l’edificio. Ma, colpo di scena, tutti i presenti hanno un movente che giustificherebbe il delitto, ed hanno avuto la possibilità di compierlo. E si scopre che, in realtà, due clienti sono poliziotti in borghese e devono arrestare il colpevole… Come? Con la collaborazione degli spettatori/testimoni oculari, che possono risolvere il mistero, grazie a ciò che hanno visto accadere, e alle domande che sapranno porre.

ale e franz (2)Giovedì 12 Marzo 2015, ore 21.00

Ale & Franz in
LAVORI IN CORSO

Scritto da Ale & Franz e Antonio De Santis
Regia di Alberto Ferrari

Lavori in corso nasce dal desiderio di poter sperimentare e far maturare idee e suggestioni, uscite da una prima fase di lavoro a tavolino, nella quale ne abbiamo, insieme ad Antonio De Santis, delineati confini e struttura. Per poter far vivere queste nuove situazioni, per far parlare i personaggi, per farli interagire, per dar una voce alle parole fin ora solo scritte, lasciando libero sfogo all’improvvisazione che da queste potrà scaturire, c’è bisogno, inevitabilmente del palco .
In Lavori in corso ogni spettacolo partirà dall’esperienza della rappresentazione precedente, trasportando di sera in sera, tutto ciò che di nuovo lo ha arricchito. Ogni spettacolo sarà dunque diverso dall’altro. Non mancheremo di portare con noi alcuni momenti del nostro repertorio classico, dalla panchina al noir, alternandoli a parti inedite, in cui poterci sentire complici col pubblico, nello scoprire battute o reazioni inaspettate. Già… perché è il pubblico il perno fondamentale di Lavori in corso.
Sarà lui ad aiutarci nella crescita e nella maturazione di quello spettacolo che, strada facendo, tappa dopo tappa, prenderà forma. Ascolteremo il pubblico, lo cercheremo, ci fideremo, come sempre è stato, di lui… e solo alla fine di questo cammino ci gireremo indietro per vedere quanta strada abbiamo fatto insieme…

Giole Dix Malato ImmaginarioSabato 21 Marzo 2015, ore 21.00

Produzione Teatro Franco Parenti
Gioele Dix in
IL MALATO IMMAGINARIO
di Molière

con Anna Della Rosa,
e con Marco Balbi, Valentina Bartolo, Francesco Brandi, Piero Domenicaccio, Linda Gennari, Alessandro Quattro, Francesco Sferrazza Papa
Regia di Andrée Ruth Shammah
Scene e costumi di Gianmaurizio Fercioni

Il Teatro Franco Parenti propone il capolavoro di Molière partendo da quel Malato immaginario che agli inizi degli anni ‘80 irruppe nel teatro italiano confermando Andrée Ruth Shammah come regista, insieme a uno straordinario Franco Parenti nel ruolo di Argan. Nei panni del malato confinato in una sorta di limbo odoroso di unguenti e medicinali, la regista sceglie oggi Gioele Dix – già in scena nel Molière di allora – attore in grado di interpretare con intelligenza e ironia, la paura e la solitudine del nostro tempo. Accanto a lui Anna Della Rosa, nei panni di Tonina capace di amare il padrone secondo i suoi umori e subirne le invettive: la quotidianità tra immaginazione e nevrosi. Shammah propone un Malato immaginario “senza tempo e di tutti i tempi”, privo di convenzioni, in tensione continua, costruendo con la parola e la sua densità tragicomica, un doppio livello di angoscia esistenziale e gioco teatrale.
Un omaggio al grande attore, ma anche una necessità della regista di riprendere oggi il “suo” Malato per rappresentare le fragilità dell’uomo, la consapevolezza del disagio, del bisogno di difendersi dal mondo esterno e di fuggire le responsabilità dell’esistenza, in una consonanza col presente, con l’irreversibile condizione della perdita di fiducia in se stessi e nei propri simili.

0012 CROP

SvergognataDomenica 26 Ottobre ore 20.45
Teatro Mattarello

LaQ-Prod presenta
Antonella Questa in
SVERGOGNATA

Drammaturgia di Antonella Questa
Regia di Francesco Brandi
Coreografie di Magali B. – Cie Madeleine&Alfred
Disegno luci di Erika Borella
in collaborazione con Teatro Comunale di Fontanellato (PR) e Associazione Culturale Progetti&Teatro

Chicca è una donna per bene con una bella casa, un marito, due figli, la filippina… una vita perfetta! Fino a quando una mattina scopre dal cellulare del marito messaggi e foto osé scambiati con decine di “svergognate”… L’immagine della famiglia perfetta crolla in un instante. Cosa fare per recuperare il matrimonio? Far finta di niente, salvando le apparenze oppure reagire cercando di diventare una “svergognata”? Tra i consigli delle amiche e i giudizi della madre, Chicca è pronta a tutto pur di riconquistare lo sguardo del marito su di sé. Un incontro inaspettato riuscirà invece a farle aprire gli occhi, portandola a conquistare un nuovo sguardo su se stessa. Con il linguaggio comico che la contraddistingue, Antonella Questa torna sola in scena dando voce e corpo a più personaggi, per raccontare quanto la schiavitù dell’immagine e la desiderabilità sociale ci distraggano dalle vere potenzialità sopite in ognuno di noi!

Luci della cittàDomenica 9 Novembre ore 20.45
Biblioteca Civica

Spettacolo vincitore del premio BY PASS al concorso Crash Test di Valdagno
O.N.G. Teatri
LUCI DELLA CITTÀ. STEFANO CUCCHI

Regia di Pino Carbone
con Francesca de Nicolais

Il personaggio del vagabondo è arbitrario e comodo. Qualcuno è vagabondo per qualcun altro. Qualcuno è sempre al margine. Al margine di quello che è stato stabilito
come centro. Si è sempre più in basso di qualcuno. Fuori dalla grazia di dio e dalla giustizia. Charlie Chaplin inventa Charlot per raccontare l’impossibilità e l’imprevedibilità della perfezione, per raccontare la grazia del fallimento. Aggrappato ad un’idea di poesia. Stefano Cucchi per lo Stato non era nessuno. La sensazione
è quella di assistere a uno spettacolo che non dovrebbe avere luogo. Perché di Stefano Cucchi, a teatro, non si può parlare. Un ragazzo di 31 anni è morto in circostanze poco chiare – o non ancora chiarite – mentre era sotto la custodia dello Stato. Un ragazzo di 31 anni è morto. Punto. È entrato in carcere sulle sue gambe, è uscito cadavere dal reparto di medicina protetta di un ospedale una settimana dopo. Punto.
Questo spettacolo vuole essere le lacrime che non abbiamo pianto. La rabbia che non abbiamo gridato. La poesia che non gli è stata concessa.

OLYMPUS DIGITAL CAMERADomenica 16 Novembre ore 20.45
Biblioteca Civica

OHT | Office for a Human Theatre presenta
AUTORITRATTO CON DUE AMICI

Idea, regia, scenografia di Filippo Andreatta
Di e con Adrian Gillott, Patric Schott
Una produzione di OHT, Fondazione Caritro, Provincia Autonoma Trento
In collaborazione con Regione Trentino Alto-Adige Residenze Istituto Italiano di Cultura -Vienna, Inteatro, Centrale Fies Grazie a Anda Skrējāne, Biljana Srbljanovic, Ilaria Mancia, Nadia Simeonkova Dedicato a Bertolt Brecht, John Baldessari e Michelle Williams

Adrian e Patric, probabilmente lo stesso personaggio a diversi stadi di decadenza, perseverano nella loro avventura catartica. Una catarsi combattiva, artistica e improbabile che avviene nello studio-appartamento di Adrian. Un luogo intimo e sconfortante dove i due nerd lottano per occupare uno spazio che forse gli spetta. È la loro riluttanza a fallire che mette lo spettacolo in bilico fra un genuino senso dell’umorismo e la disperazione. Il fenomeno del fallimento è messo in discussione non solo per i suoi effetti ilari, cinici e comici ma anche per la profonda tristezza che comprende. La riluttanza di considerare il fallimento parte della nostra vita quotidiana è il nostro tabu contemporaneo. Fallire comporta la consapevolezza che niente sarà più come prima, che un limite è stato evidenziato irreparabilmente. C’è qualcosa che rimane da un fallimento? Quando è il momento giusto per la rassegnazione? Chi e cosa decreta il nostro personale successo?

Chi ama bruciaDomenica 30 Novembre ore 20.45
Antica chiesetta di San Bartolomeo
Via S. Bortolo

Ortika presenta
Alice Conti in
CHI AMA BRUCIA
discorsi al limite della frontiera

Ideazione e regia di Alice Conti
Testo di Chiara Zingariello
Drammaturgia di Alice Conti e Chiara Zingariello
Disegno, audio, scene e grafica di Alice Colla
Costumi di Eleonora Duse
Assistenza produzione di Valeria Zecchinato
Assistenza scene di Giuseppe Cipriano
Assistenza video di Giuseppe Glielmi

Da qui. Da un tempo che non passa. Da un paesaggio che ci battezza. Dalla città fantasma dentro la città reale. Dal C.I.E. – Centro di Identificazione ed Espulsione per stranieri. In Italia mezzo milione di persone – i “clandestini” – vi sono passibili di internamento fino a 18 mesi. C’è un destino nell’assegnazione di uno spazio: questo Campo crea e rinomina, attraverso le sbarre, i corpi e i destini delle persone che confina. Sul muro qualcuno ha scritto: CHI AMA BRUCIA. Le nostre parole feroci al limite della Frontiera. Fuochi nel buio. Il Campo introduce nello spazio civile della città un’eccezione inquietante e antica: le persone vi sono recluse non per qualcosa che hanno fatto ma per qualcosa che sono. Tratto da una reale intervista a una lavoratrice del Campo.

LunaParkDomenica 7 Dicembre ore 20.45
Carrozzeria Sartori Armando
Via I Strada, 61

Le vie del fool presenta
LUNA PARK DO YOU WANT A CRACKER?
di e con Simone Perinelli

Aiuto regia e consulenza artistica di Isabella Rotolo
Regia di Simone Perinelli

Atterrare in un non-luogo e restare. Una notte: quell’arco di tempo utile a mettersi in contatto con Dio prima che arrivi il mattino a dissolvere le trasmissioni radio notturne, a spegnere i fari delle auto che sfrecciano sulla tangenziale est di Roma. Una notte per entrare nella wunderkammer di Don Chisciotte e un non-luogo per non pensare, ma solo attendere, preparandosi una frase da dire. Perché forse un giorno arriverà un segno da un altro pianeta e per effetto di una solidarietà, l’insieme dello spazio terrestre diventerà un luogo. Essere terrestre significherà qualche cosa. Prima di allora bisognerà attendere e prepararsi una frase da dire. Perché è nell’anonimato di un non-luogo che si prova in solitudine la comunanza dei destini umani. “Do you want a cracker?”

Maria AddolorataDomenica 21 Dicembre ore 20.45
Autovega
Via Bottego, 20

C&C (Corpo e Cultura) presenta
Carlo Massari e Chiara Taviani in
MARIA ADDOLORATA

Regia e interpretazione di Carlo Massari e Chiara Taviani
Disegno luci di Massimiliano Sacchetti
Co-produzione U.O.T

Il dolore è una di quelle rare sensazioni vere, originali, primordiali. Fa parte di un motore di vita che costituisce l’essere umano; lo proviamo, lo facciamo, lo esprimiamo costantemente: è una forma di comunicazione. Non è semplicemente una questione di sensibilità, la macchina del corpo comporta in sé anche il dolore, esso diventa una parte quasi quotidiana delle nostre vite, comune a chiunque a diversi livelli. Sono poi le pelli e le voci che si esprimono diversamente, ma il dolore è qualcosa di puro e duro, unico e un po’ universale. Che sia fisico o intangibile non si può evitare, niente mezze misure quindi. I due corpi in scena attraversano questa esperienza come accidentali martiri contemporanei che provano a sopravvivere agli eventi e a loro stessi. Il dolore è totalmente inaspettato, imprevedibile; i due attendono solo che arrivi, che li investa, generando una inevitabile reazione fisica.

Info Rassegna di Teatro Contemporaneo
www.trendeventi.it – 0444.453315 – 347.9505506
www.comune.arzignano.vi.it – 0444.476543

———————————————–

 

Camponogara2

CONCERTO SINFONICO di NATALE

Venerdì 5 Dicembre, ore 21.00Teatro Mattarello

Orchestra di Padova e del Veneto diretta da Romolo Gessi
Pianista Antonio Camponogara
musiche di L.v. Beethoven
“Coriolano” Ouverture op. 62
Concerto in do minore op. 37 n°3
Sinfonia in la maggiore op. 92 n° 7

Fuori abbonamento
Ingresso: 5,00 €

Il concerto sinfonico è incentrato sulle musiche di L.v. Beethoven di cui sarà eseguita in apertura  l’Ouverture in do minore op 62 “Coriolano” , dall’omonima tragedia di W. Shakespeare ,  che si ispira alle tragiche vicende dell’omonimo eroe romano . L’intensa carica che scaturisce dalla partitura esprime il conflitto drammatico che agita Coriolano , l’antitesi tra due momenti , uno combattivo e l’altro arrendevole . Apre un vigoroso accordo di tutta l’orchestra , si sviluppa il primo tema con progressione vivace ed incalzante . Alla collera di Coriolano si contrappone il secondo tema , una soave melodia in tonalità maggiore , l’implorazione della moglie Volumnia affinchè Coriolano desista dall’attuare la meditata vendetta .
Seguirà il terzo concerto op. 37 per pianoforte e orchestra , l’unico dei cinque in tonalità minore , che si intona  idealmente al do minore del Coriolano e della celeberrima quinta Sinfonia op. 67 .
Concluderà il concerto la Settima Sinfonia op. 92 in la maggiore , che Richard Wagner definì “L’apoteosi della danza” . L’andante centrale , in forma di tema e variazioni,  è intriso di un’intensa e struggente malinconia .  Le cronache del tempo narrano che lo stesso Wagner  ballò il primo e l’ultimo movimento della   Settima Sinfonia eseguita al pianoforte da Franz Liszt .

L’Orchestra di Padova e del Veneto si è costituita nell’ottobre 1966 e nel corso di quasi cinquant’anni di attività si è affermata come una delle principali orchestre da camera italiane nelle più prestigiose sedi concertistiche in Italia e all’estero.
E’ l’unica Istituzione Concertistico-Orchestrale (I.C.O.) operante nel Veneto e realizza circa 120 concerti l’anno, con una propria stagione a Padova, concerti in Regione, in Italia per le maggiori Società di concerti e Festival, e tournée all’estero.

6982411-due-biglietti-del-cinema-500x500

Prevendita abbonamenti e biglietti per la Stagione Teatrale di Prosa 2014/2015

Presso la Biblioteca Civica “Giulio Bedeschi”
Orari di apertura dal Lunedì al Venerdì dalle 10.00 alle 12.30 e dalle ore 16:00 alle ore 18:30

ABBONAMENTI

VECCHI ABBONATI

- Conferma del posto occupato nella stagione 2013/2014: telefonando al numero 0444-476543 oppure via mail a cultura@comune.arzignano.vi.it o recandosi presso l’Ufficio Cultura nei giorni
Lunedì 27, Martedì 28 e Mercoledì 29 Ottobre 2014 dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 18.30
Tutti gli abbonamenti prenotati andranno pagati e ritirati entro il 7 Novembre

- Cambio posto: solo recandosi presso l’Ufficio Cultura nei giorni:
Giovedì 30 e Venerdì 31 Ottobre 2014 dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 18.30

NUOVI ABBONATI
Recandosi presso l’Ufficio Cultura nei giorni: da Martedì 4 Novembre a Mercoledì 12 Novembre dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 18.30
Lunedì 3 Novembre biglietteria chiusa
BIGLIETTI

A partire dal 13 Novembre saranno in vendita i biglietti per i singoli spettacoli presso lo sportello Informagiovani della Biblioteca Civica:
dal Lunedì al Venerdì dalle 16.00 alle 18.30
La sera degli spettacoli dalle ore 20.30 i biglietti rimasti invenduti saranno disponibili presso il Teatro Mattarello Prenotazione dei biglietti
Nei due giorni antecedenti lo spettacolo si potranno prenotare i biglietti telefonicamente oppure via mail, indicando nome, cognome, numero telefonico dell’acquirente.
I biglietti prenotati dovranno essere ritirati al botteghino del teatro la sera dello spettacolo, entro le ore 20.45
Dal 13 novembre i biglietti saranno disponibili anche on-line sul sito www.arteven.it e www.vivaticket.it

PREZZI

PREZZI ABBONAMENTI
- Platea e gradinata centrale
Intero 90,00
Ridotto 80,00
- Gradinata alta
Intero 70,00
Ridotto 65,00

HANNO DIRITTO AD ABBONAMENTI E BIGLIETTI RIDOTTI (tessera nominativa)
- Over 65
- Iscritti al Centro ricreativo anziani e/o Università Adulti Anziani
- Iscritti alla Pro Loco di Arzignano
- Iscritti alla F.I.T.A. (Federazione italiana Teatro Amatoriale)
- Abbonati alla Rassegna Bypass
Le riduzioni non sono cumulabili.
Speciale studenti under 26 informazioni presso informacittà

Gli spettacoli avranno inizio alle ore 21:00
Gli abbonati dovranno presentare la tessera ad ogni spettacolo
L’occupazione del posto deve avvenire prima dell’inizio dello spettacolo.
A spettacolo iniziato (spegnimento delle luci in sala) lo spettatore che non sia presente in sala perde ogni diritto sul posto acquistato, che potrà essere occupato da altri.

Prevendita abbonamenti e biglietti per By Pass 2014

Abbonamenti e biglietti acquistabili a partire dal 13 Ottobre 2014 presso lo sportello Informagiovani della Biblioteca Civica:
dal Lunedì al Venerdì dalle 16.00 alle 18.30
Dalle ore 20.30 i biglietti rimasti invenduti saranno disponibili presso il luogo dello spettacolo.

PREZZI BY PASS
Abbonamento a 6 spettacoli: € 45,00
Biglietti (posto unico): € 10,00

Nota Bene
L’Organizzazione, per cause di forza maggiore, potrà apportare delle variazioni alla programmazione. Nel caso di spettacoli che per gravi motivi non dovessero tenersi, i biglietti venduti in prevendita potranno essere rimborsati entro e non oltre 30 giorni dalla data dello spettacolo presentandosi all’Ufficio Cultura.

 

PER INFORMAZIONI:

Informagiovani – Informacittà
Presso Biblioteca Civica – Vicolo Marconi
Telefono 0444/476609
E-mail: ig@comune.arzignano.vi.it

Ufficio Cultura
Presso Biblioteca Civica – Vicolo Marconi
Telefono 0444/476543 – 0444/476548
E-mail: cultura@comune.arzignano.vi.it

 CLICK QUI PER SCARCARE IL PROGRAMMA COMLPETO IN PDF

——————————————-

0024 CROP

Con l’intento di concepire e progettare eventi culturali per aree territoriali, l’assessorato alla cultura di Arzignano e quello di Chiampo, quest’anno condividono all’interno del proprio programma teatrale il calendario degli eventi del comune limitrofo.

Per fare cultura e per diffonderla è necessario uscire dai propri confini, condividere e confrontarsi; vi auguriamo pertanto un buon divertimento a teatro sia a Chiampo che ad Arzignano.

Mattia Pieropan
Assessore alla cultura di Arzignano

Viola Parise
Assessore alla cultura di Chiampo

29 novembre 2014 ore 20.45
Compagnia Raggio di sole… risate presenta
QUANTA FADIGA PAR FARE UN FIOLO

28 dicembre 2014 ore 16.30
Compagnia Glossateatro presenta
HANSEL & GRETEL E LA POVERA STREGA

17 gennaio 2015 ore 20.45
Compagnia Nogara presenta
L’ERA MEIO NARE A RIMINI

31 gennaio 2015 ore 20.30
Compagnia Ora d’aria presenta il musical per famiglie
PETER PAN

28 febbraio 2015 ore 20.45
Compagnia Arcadia presenta
STO MONDACCIO ALL’INCONTRARIO!

7 marzo 201 ore 20.45
Compagnia Schio Teatro 80 presenta
DONNE CONTRO

28 marzo 2015 ore
Compagnia Torre presenta
I PELLEGRINI D MAROSTICA

Gli spettacoli si terranno presso l’auditorium comunale di Chiampo

Biglietti
€ 6,00 (biglietto intero)
Ingresso libero per i bambini fino ai 10 anni.

INFO E BIGLIETTERIA
Ufficio Cultura 0444/475234
cultura@comune.chiampo.vi.it

La stagione teatrale di Arzignano fa parte di Teatri Vi.Vi, che riunisce la programmazione dei teatri comunali e delle fondazioni teatrali del Vicentino:

Bassano del Grappa, Teatro Remondini
info www.operaestate.it/stagione-teatrale

Lonigo, Teatro Comunale Giuseppe Verdi
info www.teatrodilonigo.it

Schio, Teatro Civico e Teatro Astra
info www.teatrocivicoschio.net

Thiene, Teatro Comunale
info www.comune.thiene.vi.it

Vicenza, Teatro Comunale.
info www.tcvi.it

INFO: Agli abbonati delle diverse stagioni teatrali verrà consegnata una CARD che darà accesso agevolato agli spettacoli ospitati negli altri teatri e alle diverse programmaioni promosse dalle Amministrazioni comunali coinvolte.

Rispondi