Homepage

FuoriZona #19: opportunità occasioni e curiosità oltreconfine

2 commenti

Banner Fuorizona

Cosa ne pensi della newsletter FuoriZona? Facci sapere la tua opinione rispondendo a queste cinque domande!

Scarica qui Fuori Zona_19 in formato pdf

LAVORO E STAGE ALL’ESTERO

- LBL TRAVEL RETAIL, OPPORTUNITÀ DI LAVORO IN FRANCIA

LBL Travel Retail, agenzia leader in Francia per la gestione e l’organizzazione delle animazioni promozionali negli aeroporti francesi, seleziona Hair Dresser, Pharmacist, e Make Up Artist, presso gli aeroporti francesi di Parigi CDG, Orly e Lione e Nizza.

Requisito comune per tutte le posizioni, è possedere un’esperienza pregressa nella vendita di cosmetici e profumi e un’ottima conoscenza del settore dei prodotti di bellezza di lusso e del settore della moda.

L’azienda offre costantemente corsi di formazione e aggiornamento, al fine di promuovere la professionalità e l’abilità di vendita del personale.

 

- STAGE PRESSO AGENZIA EUROPEA A PRAGA

L’agenzia del sistema europeo globale di navigazione satellitare (GSA) sostiene l’obiettivo dell’UE di massimizzare il ritorno sugli investimenti in sistemi globali di navigazione via satellite (GNSS).

L’agenzia offre borse di stage a studenti e laureati. In particolare attualmente è in corso la raccolta delle candidature per laureati in area economico-manageriale “Finance/Accounting/Grants Traineeship”.

Lo stage prevede attività di supporto alle attività quotidiane del Finance Department.

Durata: 1/01/2018 – 30/06/2018 (prolungabile per un massimo di 6 mesi)

Scadenza: 9/11/2017

Link: http://www.gsa.europa.eu/traineeship-listing

 

STUDIO E FORMAZIONE

- ARTISTS@WORK: CALL EUROPEA PER ARTISTI

Dal 9 ottobre al 22 novembre è aperta la call Artists@Work: ai 120 artisti selezionati verrà data l’opportunità di partecipare a un percorso formativo in Italia, Francia e Bosnia Erzegovina, in cui saranno accompagnati nella realizzazione della propria opera d’arte.

Il progetto coinvolge tre nazioni e tre linguaggi artistici: Audiovisivo e Fumetto in Italia, Fotografia e Audiovisivo in Francia, Fumetto e Fotografia in Bosnia ed Erzegovina.

Artists@Work. Creativity for Justice and Fairness in Europe è un progetto cofinanziato dalla Commissione Europea, nell’ambito del programma Europa Creativa, promosso dalla Fondazione Unipolis, in qualità di capofila, con partner Cinemovel Foundation, Libera, Ateliers Varan e Tuzlanska Amica.

In Italia 20 filmmaker + 20 fumettisti e illustratori andranno alla scoperta di nuove forme di narrazione per raccontare illegalità, soprusi e ingiustizie sociali e diffondere valori e buone pratiche.  Il percorso si compone di tre workshop di cinque giorni ciascuno che si terranno a Bologna a partire da febbraio 2018 e di un’attività di mentoring a distanza, implementata attraverso una piattaforma web. I lavori realizzati saranno presentati in anteprima al festival di Internazionale a Ferrara nel 2018 e diffusi in Italia, Francia e Bosnia ed Erzegovina, attraverso una campagna di comunicazione internazionale promossa dai partner di A@W all’interno delle proprie iniziative e delle proprie reti.

Scadenza: 22/11/2017 ore 18

Link: https://goo.gl/FQfeiu

 

- BORSA DI STUDIO AL MUSEO DEL PRADO DI MADRID

È indetta una borsa di studio da Banco de España – Museo Nacional del Prado nell’ambito delle nuove tecnologie applicate all’educazione.

Requisiti:

- Nazionalità spagnola o di uno stato UE/SEE

- Residenza in Spagna nel momento in cui inizia la borsa di studio

- Padronanza dello spagnolo sia scritta che parlata

- Laurea in ambito artistico/IT ottenuto posteriormente al gennaio 2010

- Non aver ottenuto in precedenza borse di studio “Museo del Prado”

La borsa ha una durata di 12 mesi ed ha una dotazione economica di 18.000 euro

Le candidature devono contenere al loro interno una proposta progettuale riguardante la visualizzazione delle collezioni museali del Prado in formato digitale e di una lettera di motivazione.

Link: https://www.museodelprado.es/museo/beca/beca-2017-banco-de-espaa—museo-nacional-del/7fd6aa35-ca1b-46b4-a6ae-c5abada6d568

 

 ERASMUS+ E VOLONTARIATO INTERNAZIONALE

 - SVE IN UNGHERIA PER LA CONDUZIONE DI PROGRAMMI RADIOFONICI

Dove: Nyíregyháza, Ungheria

Chi: 3 volontari/a 18-30

Durata: dal 1 febbraio 2018 al 31 gennaio 2019

Organizzazione ospitante: Kulturalis Eletert Kozhasznu Egyesulet

Opportunità di SVE in Ungheria all’interno della Mustar Radio realizzando programmi radiofonici e curando diverse rubriche assieme ad altri 8 volontari (provenienza: Francia, Russia, Spagna, Serbia e Germania).

I volontari realizzeranno programmi radiofonici e cureranno le seguenti rubriche:

  • Lezioni di lingua. I volontari parleranno nella propria lingua su un argomento specifico;
  • Punto di vista. Il volontari tratteranno argomenti di attualità e di una certa importanza (politiche giovanili, sistema scolastico, ambiente, dialogo interculturale) in inglese con traduzione ungherese;
  • Spazio libero. I volontari tratteranno argomenti più leggeri (usanze, matrimoni) in inglese;
  • Esperienze nel mondo. I volontari intervisteranno personaggi famosi in inglese o nella propria madrelingua.

Inoltre, i volontari raccoglieranno informazioni, faranno relazioni, interviste, scriveranno articoli su un giornale e prenderanno parte ai vari eventi della città.

Il volontario ideale dovrebbe avere le seguenti caratteristiche:

  • avere dimestichezza nel campo della comunicazione;
  • capacità di lavoro in team e buona dose di creatività;
  • conoscenza base della lingua inglese e volontà di apprendere l’ungherese.

Come per gli altri progetti SVE, è previsto un rimborso per le spese di viaggio fino ad un massimale stabilito dalla Commissione europea. Vitto, alloggio, corso di lingua, formazione, tutoring, pocket money mensile e assicurazione sono coperti dall’organizzazione ospitante.

Scadenza: 1/12/2017

Link: http://serviziovolontarioeuropeo.it/progetti-sve/sve-in-ungheria-per-la-conduzione-di-programmi-radiofonici/

 

- SCAMBIO GIOVANILE “CULTURE BRINGS US TOGETHER”

Beneficiario: Belen Kaymakamlığı

Paesi partecipanti: Italia, Romania e Turchia

Luogo:  Alessandretta (Iskenderun), Turchia

Data: 13-22 Novembre 2017

Età: 18-30 anni

Numero di partecipanti: 7 + 1 group leader per ogni Paese

Lingua del progetto: Inglese

“Culture bring us togheter” è un laboratorio di musica, danza e letteratura. Il progetto coinvolge 24 ragazze/i provenienti da Romania, Turchia e Italia. L’incontro dei giovani partecipanti ha come obiettivo la creazione di uno spettacolo interculturale che abbia come argomenti i temi di interesse degli stessi protagonisti. Durante il progetto i giovani parteciperanno a laboratori di danza, musica e letteratura e svilupperanno le propria abilità espressive attraverso i metodi di educazione non formale previsti dal programma Erasmus plus.

Vitto e alloggio sono coperti dal progetto. Ai partecipanti vengono rimborsati i costi di viaggio fino a 275 Euro (oltre questa cifra il rimanente è a carico del partecipante). Si prega di assicurarsi della disponibilità dei voli e del loro costo prima di candidarsi.

A fine progetto verrà rilasciato il certificato ufficiale della Commissione Europea Youthpass.

Scadenza: il prima possibile

Link: http://passepartoutup.altervista.org/scambio-culturale-in-turchia-novembre-2017/

 

PILLOLE

 - PARLAMETRO: COSA PENSANO I CITTADINI SULL’UE

Due terzi dei cittadini europei pensa che sia un beneficio appartenere all’Unione europea, ma vi sono importanti differenze tra i risultati nei singoli paesi. E’ quanto emerge da un sondaggio Parlametro condotto a settembre 2017.

Il 64% dei cittadini dell’Unione europea pensa che l’appartenenza del proprio Paese all’UE sia un vantaggio (+4% rispetto al 2016), mentre scende dal 31% al 25% la percentuale di quanti pensano il contrario.

Gli italiani sono fanalino di coda con il 39% di risposte positive (lo scorso anno era il 38%). A cosa dovrebbe dare priorità il Parlamento europeo, quali i valori e le conquiste da difendere, da quali minacce i cittadini vogliono essere protetti, ci interessano le prossime elezioni europee, la nostra voce è ascoltata in Europa: queste alcune delle domande rivolte ai partecipanti al sondaggio.

Link: http://www.europarl.europa.eu/news/it/headlines/priorities/20170904TST83006

 

CURIOSITÀ DAL MONDO

- LA SPAGNA E GREENWICH

In Spagna, non si pranza prima delle 14 e non si cena prima delle 21, o anche delle 22. Sempre. La prima serata televisiva inizia intorno alle 22-22:30. I negozi aprono alle 10 e chiudono alle 21 o alle 22.

Orari impensabili per noi, che abbiamo quasi sempre attribuito questa particolare usanza al clima della penisola iberica oppure al carattere mediterraneo degli spagnoli. Ma la reale causa ha invece origini ben più precise, chiare e circostanziate: gli spagnoli, infatti, convivono da oltre 70 anni con un fuso orario sbagliato.

Osservando una cartina geografica, si nota subito che la Spagna si trova sulla stessa longitudine di Inghilterra e Portogallo, una posizione che la collocherebbe, come orario, nella fascia del meridiano di Greenwich, cioè indietro di un’ora rispetto a quella vigente. La Spagna, però, non segue questa fascia oraria, ma è invece allineata al fuso orario di Berlino e Roma, vale a dire un’ora più avanti.

Questa particolarità risale al marzo del 1940, quando sul Boletín Oficial del Estado, la gazzetta ufficiale spagnola, venne comunicata la decisione di portare avanti l’orologio di un’ora con l’intenzione di mettersi alla pari con gli altri paesi europei: fu considerato un esempio di progressismo. In realtà, si dice, fu una decisione politica della Spagna franchista, che voleva uniformarsi alla Germania di Hitler.

Devastati dalla guerra civile, gli spagnoli all’epoca avevano ben altri pensieri per la testa che non il fuso orario, e continuarono con le abitudini di sempre, compresi gli orari dei pasti. Ma a causa dello slittamento in avanti di un’ora, il loro pranzo delle 13, ora solare, slittò alle 14, e lo stesso accadde per l’orario della  cena, che dalle 20, ora solare,  slittò alle 21. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, nessuno pensò di tornare all’originale fuso orario, che rimase quello stabilito da Franco.

 

________________________________________

 

Per consulenze personalizzate è attivo lo Sportello Estero, su appuntamento, il mercoledì dalle 16.00 alle 17.00.

 

Maggiori informazioni e prenotazione consulenze presso:

 

Informacittà

Biblioteca Civica G. Bedeschi

Vicolo Marconi 6, Arzignano

Dal lunedì al venerdì dalle 16.00 alle 19.00

Telefono: 0444.476609

E-mail: ig@comune.arzignano.vi.it

Facebook: Biblioteca di Arzignano

 

Rispondi