Homepage

Mondovisioni: cinque documentari di Internazionale in Biblioteca

0 commenti

Crescere primavera 250X250

Mondovisioni

Cinque documentari di Internazionale in Biblioteca
Tutti i Giovedì di Maggio, ore 20.45

Mondovisioni

 

Mondovisioni è una rassegna di documentari su attualità, diritti umani e informazione curata da CineAgenzia in collaborazione con il settimanale Internazionale. I documentari sono presentati in anteprima al festival di Internazionale a Ferrara e poi proposti in un tour che durante l’anno tocca molte città, dal nord al sud del paese. La rassegna consiste in 8 importanti documentari, scelti dai più prestigiosi festival internazionali, che raccontano la complessità del mondo che ci circonda: storie senza filtri che ci riguardano, emozionanti, profonde, esemplari. Per l’edizione nella città di Arzignano ne sono stati selezionati 5 su 8, in base al successo riscontrato nelle tappe del tour nazionale.

Ogni proiezione, ad ingresso libero e gratuito, sarà preceduta da un breve intervento di un esperto che introdurrà e contestualizzerà l’argomento trattato dal documentario.

locandinaGiovedì 3 Maggio, ore 20.45

BREXITANNIA
Regia: Timothy George Kelly
Paese: Regno Unito, Russia—2017
Durata: 80’
Lingua: Inglese Sottotitoli: Italiani

SINOSSI
I referendum dividono, e la Brexit lo ha fatto in un modo senza precedenti nella storia britannica. Campa-gna contro città, vecchio contro nuovo, nazionalisti contro migranti, “la gente” contro “l’elite”. Oltre tutte queste definizioni ci sono degli individui con le loro storie, che hanno dato origine a questo voto storico e sconcertante, motivato dai temi che segnano i nostri tempi: migrazione, tramonto dei vecchi imperi, il lavoro in un mondo sempre più automatizzato. Brexitannia è un film sottilmente esplosivo che senza esprimere giudizi presenta un popolo alle prese con la sua identità, in un mondo che sta cambiando più velocemente che mai, in cui il pote-re appare sempre più lontano.

TRAILER
Festival: CPH:DOX, Sheffield
Con: Noam Chomsky, Saskia Sassen, Guy Standing, Nick Srnicek, Heidi Mirza, Federico Campagna

introduce: Lorenzo Parolin, giornalista. Laureà in giurisprudenza conseguita a Bologna con una tesi sulla democrazia partecipativa (nel frattempo frequenta un corso di specializzazione in diritto anglosassone). Successivamente si laurea in filosofia a Padova con una tesi sugli aspetti filosofici del Buddismo. Lavora per il Giornale di Vicenza occupandosi prevalentemente di cronaca amministrativa, costume e cultura-spettacoli

Boiling-Point_poster-700x983Giovedì 10 Maggio, ore 20.45

BOILING POINT
Kiehumispiste
Regia: Elina Hirvonen
Paese: Finlandia—2017
Durata: 91’
Lingua: Finlandese Sottotitoli: Italiani

SINOSSI
Oula e Tapio si incontrano ogni venerdì in una sauna di Helsinki. Oula è uno storico quarantenne specializza-to nel fascismo in Finlandia e in Europa, Tapio un imprenditore settantenne preoccupato che richiedenti asilo, ISIS e politica di sinistra rovinino il suo paese. Disuguaglianza, mancanza di visione, paura e rabbia verso gli immigrati stanno crescendo ovunque in Europa, anche in Finlandia. La gente è sempre più spaventata e i demagoghi populisti ne approfittano per aizzare gli uni contro gli altri. Il film dipinge un inquietante ritratto dell’Europa contemporanea, ma cercando un terreno comune tra gruppi di opinioni opposte, perché dove termina il dialogo inizia la violenza.
TRAILER
Festival: Docpoint Helsinki, CPH:DOX

introduce: Gabriele Catania, giornalista nato ad Arzignano, di origini siciliane, per Linkiesta scrive principalmente (ma non solo) di politica ed economia internazionale, riservando un particolare focus ad alcune aree geografiche: la Scandinavia e l’Europa centrale, l’Africa australe, la Cina, l’Iran. I suoi articoli ed edi-toriali sono apparsi su varie testate straniere, quali Il Caffè (Svizzera), lo Shanghai Daily (RPC), l’Hindustan Times (India). Nel corso degli anni ha avuto modo di intervistare una quindicina di Premi Nobel, e ha pubblicato due saggi con Castelvecchi Editore (Roma): Petrolio Shock (2009) e Sudafrica (2010). È attivo nel campo della comunicazione, del ghostwriting e dell’editing.

 

Entre-os-homens-de-bemGiovedì 17 Maggio, ore 20.45

ENTRE OS HOMENS DE BEM
Regia: Caio Cavechini, Carlos Juliano Barros
Paese: Brasile —2016
Durata: 106’
Lingua: Portoghese Sottotitoli: Italiani

SINOSSI
Jean Wyllys è un corpo estraneo in un Congresso brasiliano di tendenze sempre più conservatrici Lo accom-pagniamo durante tre anni di instancabile attività come portavoce della causa LGBT, che ne hanno fatto il protagonista di discussioni politiche che superano i confini della capitale Brasilia e investono l’opinione pub-blica e i social network. Oltre a tracciare il profilo di un deputato e personaggio singolare, Entre os homens de bem, è una sconvolgente introduzione all’attuale crisi e polarizzazione della politica brasiliana, sempre più segnata dall’influenza dei movimenti religiosi evangelici, di cui fanno parte alcuni dei politici più attivi nell’im-peachment della presidente Dilma Rousseff.
TRAILER
Festival: Rio, Sao Paulo, Mix Brasil

introduce: Janaina Cesar, giornalista brasiliana. Da 18 anni lavora come reporter e da 11 vive in Italia. Collabora con diverse testate brasiliane (O Estado de S. Paulo, Opera Mundi, Projeto Colabora e IstoE) e italiane (Il Giornale di Vicenza, Linkiesta, L’Espresso, GQ).
Ha uno sguardo particolarmente attento alle tematiche legate ai diritti dell’uomo e le sue inchieste cercano di denunciare i luoghi e le situazioni dove, per qualunque motivo, questi diritti vengono violati. Di recente si è occupata in diversi articoli di cronache e diritti LGBT in Brasile.

 

unnamed-80-18Giovedì 24 Maggio, ore 20.45

JAHA’S PROMISE
Regia: Patrick Farrelly, Kate O’Callaghan
Paese: Stati Uniti, Regno Unito, Gambia
Durata: 81’
Lingua: Inglese e mandinko Sottotitoli: Italiani

SINOSSI
Jaha Dukureh venne sottoposta a mutilazione genitale femminile (FGM) da bambina e portata a 15 anni a New York per sposare un uomo che non aveva mai visto prima. Un decennio più tardi, liberatasi da quel matrimonio, torna in Gambia, nell’Africa occidentale, per guidare una campagna contro la pratica che le ha segnato la vita. Ma Jaha non cerca la nostra compassione, vuole mettere le strutture di potere sia africane che occidentali di fronte alle loro responsabilità, e pretende rispetto per i diritti delle ragazze in qualsiasi società vivano. Jaha’s Promise è uno straordinario racconto di riscatto individuale e sociale, segnato dalla tensione di un conflitto personale, familiare, religioso e politico.
TRAILER
Distribuzione italiana: GA&A

introduce: Maria Stocchiero, psicologa e psicoterapeuta, vive e lavora a Vicenza. Con 25 anni di esperienza nel campo della psicologia di genere, è consulente presso centri antiviolenza (case rifugio) servizi d’ascolto del Veneto, seguendo sia la formazione/supervisione delle operatrici, che il sostegno alle donne vittime di violenza. E’ formatrice, sul tema della violenza, di personale dei Comuni e delle Aziende sanitarie del Veneto.
Partecipa alla formazione sull’accoglienza di vittime di violenza di genere e tratta per équipe che lavorano in campi profughi all’estero. Ha lavorato in Mali in progetti di promozione della partecipazione delle donne alla vita civile e professionale, nel settore delle MGF e delle Medicine Tradizionali; in Marocco nella formazione di operatrici di centri antiviolenza.

 

FREELUNCH_Poster-700x990Giovedì 31 Maggio, ore 20.45

FREE LUNCH SOCIETY
Regia: Christian Tod
Paese: Austria, Germania—2017
Durata: 95’
Lingua: Inglese e tedesco Sottotitoli: Italiani

SINOSSI
Cosa faresti se non dovessi più preoccuparti di guadagnare? Fino a pochi anni fa il salario di cittadi-nanza era considerato utopia, oggi è diventato oggetto di dibattito politico e scientifico. Globalizzazione, automazione, fine della classe media: si parla di cause, mai di soluzioni. È ora di un completo ripensamento: denaro per tutti, come diritto che non richieda servizi in cambio! Riforma visionaria, taglio netto neo-liberale allo stato sociale, o romanticismo di sinistra? Il primo documentario dedicato al tema racconta cosa hanno a che fare le auto a guida automatica con le idee di un miliardario tedesco e con un referendum svizzero, per affrontare una delle questioni cruciali dei nostri tempi.
TRAILER
Festival: DocAviv Bergen CPH:DOX Docaville

introduce: Alessio Marchionna, giornalista, si è occupato di quasi tutti i continenti, e oggi è responsabile delle pagine statunitensi del settimanale Internazionale. Con un occhio e una passione particolare per tutto quello che c’è sotto la linea Mason-Dixon. Lavora a Internazionale dal 2009

Rispondi