Homepage

Leggere come narrare. Seminario gratuito con la “Scuola del fare”

3 commenti

Crescere anche da casa piccolo

… per adulti appassionati di lettura ad alta voce

 

Copia di Locandina Arzignano -giugno 2020(4)


Leggere come narrare

Sabato 21 novembre dalle 10.00 alle 12.00
con Enrica Buccarella, Scuola del Fare

 

Si può “leggere come narrare”?
Restare fedeli al testo, allo stile della storia, alle intenzioni dell’autore, al carattere dei personaggi… pur dando con la propria voce un tratto originale e personale al racconto, proprio come accade nella narrazione dove autore e narratore sono la stessa persona?
Sì, si può interpretare.
Il seminario invita i partecipanti a farlo riflettendo innanzitutto sulle potenzialità della voce e sulla propria sensibilità vocale.
Leggere con la voce che disegna il film che c’è nel libro e, sequenza per sequenza, ne evidenzia le immagini, le delinea e le colora, permettendo all’ascoltatore di visualizzare la storia e sentire le sue emozioni.
Ogni qualità espressa dalle parole nella partitura narrativa del libro, diventa una qualità della voce, corrisponde ad una sonorità data da timbri, musicalità, ritmi, intensità, accenti, pause, silenzi.

Attraverso l’esempio di alcuni testi, dalle filastrocche alla poesia, le lingue inventate e le storie nonsense, i racconti e le fiabe, si ragionerà sulle parole suono, le parole immagine, sulla dinamica, le pause, le attese, i silenzi per esplorare il potere immaginifico che tutte le voci possiedono.


La Scuola del Fare:

Ente Accreditato dal M.I.U.R. (direttiva n. 170/2016; siamo a pag. 17 dell’elenco Enti nel sito del Ministero ). Tutte le iniziative formative promosse dall’Associazione sono quindi riconosciute dal Ministero e danno diritto all’esonero dal servizio del personale della scuola che vi partecipa, nei limiti della normativa prevista e a tutti i benefici collegati alla Carta del Docente.

 L’Associazione promuove: iniziative di ricerca, istruzione, aggiornamento e formazione per
i docenti delle scuole di ogni ordine e grado; iniziative di educazione e formazione culturale 
per bambini, giovani ed adulti, con la finalità di fornire contributi teorici, metodologici ed operativi, nonché editoriali, volti allo sviluppo di una Scuola Attiva e formativa, centrata sulla valorizzazione delle capacità di comunicazione e di espressione personale dell’individuo, dove:
– la sua storia, il suo mondo concreto e quello immaginario trovano spazio per esprimersi;
– il disegno, la pittura e la manipolazione superano gli stereotipi;
– la lettura, l’ascolto ed il rapporto con il libro sono attivi;
– la scrittura non è finalizzata alla correzione formale e alla valutazione sul piano strumentale, ma è mezzo di espressione autentica e creativa;
– il “fare”, la conoscenza che passa attraverso le mani, diventa fatto creativo.
vedi: www.lascuoladelfare.it

Il seminario sarà tenuto da Enrica Buccarella, docente di scuola primaria dal 1986, attualmente insegna a Castelfranco Veneto (TV).
Sperimenta da più di vent’anni in classe la metodologia dei laboratori creativi. In particolare ne ha approfondito lo sviluppo nel campo della didattica musicale e dell’educazione all’immagine. È socio fondatore dell’Associazione La Scuola del Fare, animatrice di atelier con i bambini, conduce laboratori e seminari di formazione per insegnanti.
Ha curato dal 2006 al 2015 i laboratori di illustrazione, arte, costruzione del libro e lettura ad alta voce per gli insegnanti del Progetto Premio Soligatto, iniziativa dei Comuni di Pieve di Soligo, Farra di Soligo e Refrontolo (TV) dedicato ai libri illustrati per bambini.

Quando: sabato 21 novembre, dalle 10.00 alle 12.00
Il seminario si terrà online sulla piattaforma meet. I partecipanti iscritti riceveranno via mail il link per partecipare al seminario

L’incontro è gratuito ma su iscrizione.
25 posti disponibili.

Iscrizioni entro il 16 novembre 2020

Iscrizioni:
Presso lo sportello Informacittà, dal lunedì al venerdì in orario 16.00 – 19.00
Online qui: http://212.237.57.102/moodle

Informazioni:
Informacittà, 0444.476609 – ig@comune.arzignano.vi.it

 

 

Il semirario è inserito nella rassegna di eventi della settimana nazionale nati per leggere

NpL_veneto
La Biblioteca “G. Bedeschi” aderisce da anni al progetto nazionale Nati per Leggere, promosso dall’Associazione Italiana Biblioteche, dall’Associazione Culturale Pediatri e dal Centro per la Salute del Bambino, che ha l’obiettivo di diffondere la pratica della lettura ad alta voce ai bambini fin dal primo anno di vita.

La lettura ad alta voce rende più intensi i rapporti affettivi tra i genitori che leggono e il bambino che ascolta, favorisce lo sviluppo del linguaggio, arricchisce la memoria e stimola la fantasia, per questo è anche una delle 8 azioni previste dal progetto Genitoripiù.

La Settimana nazionale Nati per Leggere, che si svolge ogni anno a novembre, è stata istituita per promuovere il diritto alle storie delle bambine e dei bambini. Per questa occasione, la Biblioteca ha organizzato una serie di eventi di formazione e di promozione della lettura dedicati ai bambini in età prescolare ma anche agli adulti (genitori, educatori, operatori…) che hanno a che fare con loro.

Rispondi